1

App Store Play Store Huawei Store

maggia stresa

STRESA - 23-11-2021 - All’Istituto “Erminio Maggia” di Stresa, nella giornata di giovedì 25 novembre si parlerà di mafia. Ospite sarà Arianna Mazzotti, nipote di Cristina Mazzotti, che nel 1975, a soli 18 anni, perse la vita per mano della criminalità organizzata. Rapita a giugno dall'anonima sequestri, a settembre fu ritrovata morta in una discarica a Galliate. Il padre nella speranza di riportarla a casa aveva appena versato il riscatto richiesto.
L’evento è stato organizzato dalla scuola con l ‘Associazione “Libera” VCO a suggello di un percorso di sensibilizzazione sulle mafie, che ha visto anche l’intitolazione di due laboratori della sede centrale di viale Mainardi a Cristina Mazzotti e a Paolo Giorgetti, anch’egli vittima di mafia, a soli 16 anni. Laboratori che, fanno sapere dalla direzione, rimarranno a loro intitolati anche nella futura sede scolastica "perché nessuno possa dimenticare quanto è importante combattere le mafie e serbare il ricordo delle vittime".
Arianna Mazzotti visiterà i laboratori e parlerà in ricordo di sua zia, ma anche a nome di tutte le persone che hanno perso i propri familiari per mano della criminalità organizzata. Durante l’evento interverranno il dirigente scolastico Fiorenzo Ferrari; i responsabili di Libera VCO - presidio Luca Cottarelli e di Libera Novara - presidio Cristina Mazzotti - Arona. A moderare gli interventi della giornata sarà il professor Felice Fioretti, coordinatore dei progetti di Educazione civica del Maggia. In sala ci saranno inoltre gli studenti della quinta A "Accoglienza turistica", che raccolgono il testimone di due studentesse della classe 5AAT diplomatasi lo scorso anno, che avevano svolto una ricerca proprio su quanto successo a Cristina Mazzotti e Paolo Giorgetti.
L'incontro, previsto in origine per la primavera 2021 era stato rimandato a causa della situazione epidemiologica. "Da sempre l’Istituto Maggia è attento e sensibile nei confronti dell’educazione alla legalità per contribuire alla formazione non solo dello studente, ma anche del buon cittadino: responsabile, partecipe alla vita sociale, solidale, consapevole - rimarcano da Stresa -. Proprio il 25 novembre la scuola parteciperà al seminario sull’Educazione civica organizzato dall'Ufficio scolastico regionale del Piemonte, che si terrà a distanza e in cui si farà un primo bilancio delle esperienze collegate all’insegnamento di questa disciplina trasversale, a un anno dalla sua entrata in vigore".

 


Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.