1

App Store Play Store Huawei Store

ganna rou

ROUBAIX - 21-10-2021 -- L’oro in testa e (almeno) un argento al collo. Grande protagonista attesa ai Mondiali di ciclismo su pista, l’Italia di Filippo Ganna fin qui non ha deluso. Ieri il quartetto azzurro che alle Olimpiadi di Tokyo vinse la medaglia d’oro nell’inseguimento a squadre, ha dimostrato di essere il team favorito, quello da battere. Ganna, Francesco Lamon, Simone Consonni e Jonathan Milan sono scesi in pista due volte ieri sull’anello del velodromo di Roubaix, in Francia. E, in entrambi i casi, hanno fatto segnare il miglior tempo qualificandosi per la finale di questa sera.

Oro o argento. Dipenderà da loro (più Liam Bertazzo, subentrato a Lamon in semifinale) e da ciò che farà la Francia che, a sorpresa, ha eliminato la Danimarca campione in carica, mentre l’Italia s’è sbarazzata della Gran Bretagna.

La giornata è cominciata con gli italiani dipinti d’oro. L’omaggio al trionfo olimpico è stato messo nel colore nei caschi del quartetto che ha ottenuto il miglior tempo (3’49”.008) nel primo pomeriggio e che, nella sfida coi britannici, ha chiuso in 3’46”.760, lontano dal 3’4”.032 di Tokyo, nuovo record del mondo, ma sempre con margine sui rivali.

La storia verrà scritta stasera alle 19 nella finale coi transalpini, in cui l’Italia migliorerà il bronzo delle ultime edizioni ma nella quale ha la concreta chance di vincere il titolo mondiale.

 


Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.